Cornabusa in Bici da Corsa

          km 60,00                 mt.1071                         h 3                          Medio

Un classico per i residenti della zona, giro dall’ottimo panorama architettonico/storico e naturalistico, con passaggi veramente tosti dal punto di vista delle pendenze.

Il santuario della Cornabusa è una meta bellissima, sia dal punto di vista naturalistico visto che domina la valle sottostante, sia dal punto di vista architettonico e paesaggistico visto gli innumerevoli scorci e costruzioni d’epoca che si incontrano durante il viaggio, oltre, al santuario in se tanto caro anche a Papa Giovanni XXIII (curiosità: sopra il bar è visitabile la stanza da letto che utilizzava il Papa durante i suoi ritiri spirituali al santuario)

“Cornabusa” dal dialetto bergamasco:
CORNA = pietra/roccia
BUSA= bucata
è una chiesa ricavata all’interno di una grotta naturale, in cui sgorga una sorgente naturale d’acqua formando un piccolo laghetto al suo interno.

Il giro lo si può fare in 2 versioni:

  • con delle deviazioni fuoristradistiche  lo trovate qui
  • oppure la versione “tutto asfalto” descritto qui

Al ritorno si può fare lo stesso giro, oppure come trovate nel gpx fare un pò della salita di Bedulita e poi scendere e ritornare dallo stesso percorso.
Se proprio volete allungare il giro, una volta arrivati a Bedulita, invece che scendere a sinistra verso Capizzone, prendete la salita a destra e proseguite la salita arrivando in Roncola.

Partenza (e ritorno) da “La Farmacia dei Sani”, seguiamo il gpx perchè troppo complicato.

Nel tragitto possiamo vedere anche “L’Antenna Europea del Romanico” a San Tomè, e guardate bene gli altri ciclisti perchè spesso si incontra Felice Gimondi che abita in zona.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *